Iglesias, Buggerru, Fluminimaggiore

Incontro con Manlio Massole.

“Descrivere la miniera è difficilissimo e dall’esterno non lo si può fare; per capire la miniera bisogna esserci dentro con i minatori che lavorano, ed è praticamente indescrivibile perché bisognerebbe descrivere il vuoto della montagna, il vuoto creato dal minatore nella montagna; c’è vuoto, in miniera, e buio e poi c’è il minatore; essere minatore più che un mestiere è uno stato d’animo, è un modo di essere; una volta che si va in miniera, o la si rifiuta immediatamente e si scappa dalla miniera perché è un mondo assurdo, oppure stranamente ci si innamora della miniera e si sente l’orgoglio di essere minatore; questo orgoglio è dato dai tanti pericoli che si affrontano in miniera e che l’uomo diventato minatore riesce a superare, ma vincendo se stesso però… l’ego, l’io, non esiste in miniera, in miniera esiste il noi; si ha una necessità continua dell’altro, raramente un minatore dice: io, io, io. Noi, noi, noi.“



Tratti in miniera
è un progetto di Giuseppe Casu e Gianluca Stazi
in collaborazione con i minatori sardi

info su tratti.org

LINK PROGETTO: “MINIERE”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...